mercoledì 20 aprile 2016

Prestazioni da Brivido per la Porsche 718 Boxter

Come la 911, anche la più piccola fra le Porsche si converte al turbo. Adesso si chiama 718 Boxster e ha prestazioni da brivido, ma il rombo non convince del tutto. 


Bisogna tornare agli anni 50 per capire perché la nuova Porsche 718 Boxster è stata chiamata così: le tre cifre prima del nome (che da esattamente 20 anni identifica le spider con motore posteriore-centrale della casa tedesca) sono un richiamo alle Porsche sport che oltre mezzo secolo fa correvano (vincendo) gare come la 24 Ore di Le Mans e la Targa Florio.

Porsche 718 Boxter
Porsche 718 Boxter
Ad accomunarle con l’ultima novità è il numero dei cilindri (quattro) dei motori, con architettura boxer (ovvero a cilindri orizzontali contrapposti), ma in questo caso con l’aggiunta del turbo (per coniugare alte prestazioni e maggiore efficienza) e (ovviamente) con raffreddamento a liquido invece che ad aria.

Studiati ad hoc per la nuova Porsche 718 Boxster, queste unità saranno utilizzate anche per la 718 Cayman (verrà presentata tra circa un mese e, a differenza di oggi, costerà un po’ meno della Boxster): si tratta di un “due litri” capace di sfiorare i 300 cavalli e (per la “S”) di un 2.5 da 349 CV (in questo caso il turbocompressore ha la turbina a geometria variabile, come nella Porsche 911 Turbo).

C’è di che divertirsi, quindi, soprattutto se si considerano i circa 1300 kg di peso delle vetture, circa 200 in meno rispetto a una 911 Cabriolet.

 - Fonte: http://www.alvolante.it/primo_contatto/porsche-718-

Nessun commento: