giovedì 13 aprile 2017

Moto Ducati Scrambler Cafè Racer: Sportiva e vintage

Fascino da sportiva degli anni d'oro, dettagli curati e una guida efficace che non ne compromette la facilità d'uso: ecco a voi la Scrambler Ducati Café Racer. Costa 11.200 chiavi in mano. 


La Café Racer della Ducati, è senza dubbio la più ducatista delle Scrambler, precisa, stabile, svelta, efficace e divertente quanto una Ducati, ma con l'immancabile facilità, immediatezza, minimalismo vintage tipico della famiglia Scrambler.

Insomma, la Café Racer è il trait d'union tra le due anime della Casa di Borgo Panigale.
Girandoci intorno la Café Racer può apparire come un semplice lavoro di vestizione, la creazione di un outfit per gli scrambleristi più sportivi e amanti dell'asfalto:
troviamo un "foulard" a coprire il caratteristico faro tondo, ruote da 17" a 10 razze (color bronzo, molto Seventies) invece che da 19", semimanubri con specchi alle estremità e codino con coprisella passeggero per dare l'idea del monoposto che fa tanto racing.
Sotto a queste modifiche di dettaglio, invece, la Café Racer cambia parecchio rispetto alla Scrambler Icon da cui deriva, a partire dall'ergonomia di seduta, che vede i semimanubri posti più avanti di 155 mm e più in basso di 175 mm rispetto al manubrio rialzato della Icon, e una sella inedita alta 805 mm da terra (+15 mm).

E poi le quote ciclistiche si sono fatte più spinte, per via delle ruote più piccole e del retrotreno sollevato grazie al mono più lungo:
l'inclinazione del cannotto di sterzo che passa da 24° a 21,8°, l'avancorsa da 95,7 mm a 93,9 mm e l'interasse da 1.445 mm a 1.436 mm.
In più le sospensioni hanno tarature dedicate, mentre confermano la lunga escursione da 150 mm per entrambe

Leggi articolo originale

Nessun commento: